LA STORIA
 
 


Nata nel III secolo a Roma da genitori cristiani di un'illustre famiglia patrizia, decise di consacrarsi al Signore nella verginità. Secondo quanto riferito dai Padri agnes2della Chiesa, quando Agnese era ancora dodicenne scoppiò una persecuzione, e molti furono i fedeli che s’abbandonarono in massa alla defezione.

Rimasta fedele a Cristo, Agnese fu denunciata come cristiana dal figlio del prefetto di Roma che aveva tentato invano di insidiare la sua verginità.

Fu esposta nuda al Circo Agonale, un luogo di piazza Navona (oggi cripta di Sant'Agnese) riservato alle pubbliche prostitute.

 

Un uomo che cercò di avvicinarla cadde morto prima di poterla sfiorare e altrettanto miracolosamente risorse per intercessione della santa. Gettata nel fuoco, questo si estinse per le sue orazioni, fu allora trafitta con un colpo di spada alla gola, nel modo con cui si uccidevano gli agnelli.

Per questo nell'iconografia è raffigurata spesso con una pecorella o un agnello, simboli del candore e del sacrificio. Notevole anche l'allitterazione, possibile in lingua latina, tra Agnes e Agnus. S. Ambrogio e S. Damaso hanno esaltato il suo esempio.

Il suo nome è inserito nel Canone romano.

 

 

 

Copyright © 2015 Almo Collegio Capranica   P.zza Capranica, 98  00186  Roma
Tel. +39 06.69205401  - Fax +39 06.69205411
eMail:  Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.    Sito web:  www.almocollegiocapranica.it       Privacy Policy

by Sitowebstudio